×

Ultime news

Commenti recenti

    Conto termico

     

    Per la prima volta in Italia si assegna un incentivo specifico alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili e nello specifico da biomasse, da solare termico, da pompe di calore. Decreto 28 dicembre 2012 - Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni (pubblicato in GU n.1 del 2-1-2013 - Suppl. Ordinario n. 1) soprannominato “CONTO TERMICO" Questo decreto era stato previsto dal decreto legislativo n. 28/2011, con lo scopo di incentivare interventi di piccole dimensioni per l'incremento dell'efficienza energetica e per la produzione di energia termica da fonti rinnovabili.

    Il meccanismo d’incentivazione premia quei soggetti che erano stati esclusi dalle detrazioni fiscali del 65/50% poiché non soggetti a IRPEF o IRAP, quindi soprattutto le amministrazioni pubbliche, ma anche quegli altri soggetti che, avendo redditi limitati, non potevano beneficiare a pieno delle suddette detrazioni.

    Il contributo, elargito dal GSE in rate annuali uguali per 2 o 5 anni, dipende dal tipo di intervento oggetto dell’incentivazione e equivale mediamente a circa il 40% delle spese sostenute. I beneficiari, che possono avvalersi dello strumento del finanziamento tramite terzi o di un contratto di rendimento energetico ovvero di un servizio energia, anche tramite l'intervento di una ESCO degli incentivi sono:

    • Le amministrazioni pubbliche, sia per gli interventi d’incremento dell’efficienza energetica dimensioni di produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di sistemi ad alta efficienza;

    • I soggetti privati, intesi come persone fisiche, condomini e soggetti titolari di reddito d’impresa o di reddito agrario, per i soli interventi relativi alla produzione di energia termica da fonti rinnovabili e di sistemi ad alta efficienza.

    Detrazioni IRPEF

    Sono previste: per gli impianti fotovoltaici, detrazioni IRPEF 50% (ristrutturazione edilizia); per gli impianti solari termici, detrazioni IRPEF 65% (riqualificazione energetica).

     

    IMPIANTO FOTOVOLTAICO

    È  possibile  detrarre  dall’Irpef  (l’imposta  sul  reddito  delle persone  fisiche)  una  parte  degli  oneri  sostenuti  per ristrutturare  le  abitazioni  e  le  parti  comuni  degli  edifici residenziali situati nel territorio dello Stato.

    Si tratta dell'agevolazione sulle ristrutturazioni edilizie (Art. 16 bis del TUIR) applicabile agli investimenti per l'installazione di impianti basati sull'impiego delle fonti di energia rinnovabile, tra i quali rientrano anche gli impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica (art. 1, com. 1, lett. E - DM 15.02.1992).

    A  seguito  delle  disposizioni  introdotte  dal  decreto  legge  n. 83/2012,  dal  decreto  legge  n.  63/2013  e  dalla  legge  n. 147/2013,  i  contribuenti  possono  usufruire  delle  seguenti detrazioni:

    • 50%  delle  spese  sostenute  (bonifici  effettuati)  dal  26  giugno  2012  al  31 dicembre  2014,  con  un  limite  massimo  di  96.000  euro  per  ciascuna  unità immobiliare
    • 40%  delle  spese  che  saranno  sostenute  nell’anno  2015,  sempre  con  il  limite  massimo di 96.000 euro per unità immobiliare
    • 36%,  con  il  limite  di  48.000  euro  per  unità  immobiliare,  delle  somme  che saranno spese dal 1° gennaio 2016.

    Visualizza la guida dell'Agenzia delle Entrate, Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali.

     

    IMPIANTI SOLARI TERMICI

    Detrazioni IRPEF 65% - Riqualificazione energetica

    L’agevolazione  fiscale  consiste  in  detrazioni  dall’Irpef  (Imposta  sul  reddito  delle  persone  fisiche)  o  dall’Ires  (Imposta  sul  reddito  delle  società)  ed  è  concessa  quando  si  eseguono  interventi  che  aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici esistenti.

    In particolare, le detrazioni sono riconosciute se le spese sono state  sostenute per:

    • la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
    • il  miglioramento  termico  dell’edificio  (coibentazioni  -  pavimenti  -  finestre,  comprensive di infissi)
    • l’installazione di pannelli solari
    • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

    Le detrazioni, da ripartire in dieci rate annuali di pari importo, sono riconosciute nelle  seguenti misure:

    • 55% delle spese sostenute fino al 5 giugno 2013
    • 65% delle spese sostenute
    • dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2014 per interventi sulle singole unità  immobiliari
    • dal  6  giugno  2013  al  30  giugno  2015,  se  l’intervento  è  effettuato  sulle  parti  comuni  degli  edifici  condominiali,  o  se  riguarda  tutte  le  unità  immobiliari di cui si compone il singolo condominio
    • 50% delle spese sostenute
    • dal  1°  gennaio  2015  al  31  dicembre  2015  per  interventi  sulle  singole  unità immobiliari
    • dal  1°  luglio  2015  al  30  giugno  2016  per  interventi  sulle  parti  comuni  degli edifici condominiali o che interessino tutte le unità immobiliari di cui  si compone il singolo condominio.

    Dal 1° gennaio 2016 - per i condomini dal 1° luglio 2016 - l’agevolazione sarà invece  sostituita con la detrazione fiscale prevista per le spese di ristrutturazioni edilizie.

    Visualizza la guida dell'Agenzia delle Entrate, Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico.

    TOP